Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

L’alba dei morti dementi (2004)

Con quali vecchi dischi, di cui ora vi vergognate, provereste a decapitare uno zombie?

Non fatevi trarre in inganno dal titolo, L’alba dei morti dementi non è solo una parodia demenziale di capolavori di George Romero, come La notte dei morti viventi, Zombi o Il giorno degli zombi. Anche perché partiamo dal presupposto che in Italia nel 90% dei casi si traduce tutto a cazzo di cane.

L’alba dei morti dementi è il film che rivela al mondo intero il talento di Edgar Wright, regista allora trentenne, che si era già fatto notare nel Regno Unito col suo primo lungometraggio (girato con due spicci) A Fistful of Fingers, una parodia di uno spaghetti western, e con la sitcom Spaced. Proprio sul set di quest’ultima consolida il sodalizio con Simon Pegg, con cui darà vita alla trilogia più bella della storia del cinema: la Trilogia del Cornetto.

L’alba dei morti dementi è il primo gusto, quello rosso alla fragola. Rosso come gli zombie e il sangue, certo, ma anche come l’amore. Sì, perché oltre a mixare citazioni e ispirazioni dai film di Romero, con tanto di critica sociale (tutti sono di fatto zombie già prima di morire), al british humour più fresco che c’è, questo primo film parte di fatto come una commedia romantica. Shaun e Liz sono in crisi, sostanzialmente perché Shaun è un bambinone che non vuole crescere, vive col suo amico scorreggione e porta Liz tutte le sere nello stesso pub: il Winchester. Quando la loro relazione sembra andare definitivamente a rotoli, interviene l’apocalisse zombie. Il vecchio detto “non tutti i non morti vengono per nuocere” forse in fondo è vero.

Divertente, brillante, ricco di citazioni e trovate geniali, L’alba dei morti dementi è una boccata d’aria fresca nel genere delle parodie comiche, come non si vedeva da quando Mel Brooks sbarcò per la prima volta al cinema. Senza contare che forse senza questo film non avremmo avuto Benvenuti a Zombieland. Inoltre vi farà innamorare della coppia formata da Simon Pegg e Nick Frost e non potrete fare a meno di provare gli altri due gusti del cornettoHot FuzzLa fine del mondo.

P.S. Dopo averlo visto, o rivisto, fatemi sapere con quali vecchi dischi colpireste degli zombie. Io ho un best of degli Spandau Ballet e Popstars delle Lollipop pronti a fare strage.

2 Comments

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Kult Russell

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Vai al Film oppure Riprova
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi