Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

Indiana Jones e i Predatori dell’Arca Perduta (1981)

Indiana Jones e i Predatori dell'Arca Perduta

Il supereroe della frusta.

C’è un episodio di The Big Bang Theory in cui Amy Farrah Fowler crede che Sheldon si sia deciso finalmente a fare sesso. Rimane però alquanto delusa quando capisce che per “intenso piacere sul divano” lui intende il Blu-ray di Indiana Jones e i Predatori dell’arca perduta, uno dei suoi film preferiti. A visione ultimata, lui, pischello, le chiede “com’è stato”. Lei, che voleva consumare ben altro, glielo smonta senza pietà: bello, dice, a parte quer problemino de trama che ce sta. Trama? Abbella, io l’ho visto trenta volte, fa Sheldon, che magari nun me n’accorgo?

Sheldon è uomo-macchina, il suo cervello va a transistor. Ma Amy è donna, e per quanto illibata di uomini ne capisce: non si è fatta fregare dal cipiglio da maschio fascinoso di Harrison Ford.

Il problemino di trama, dice Amy, consiste nel fatto che il personaggio eponimo è assolutamente ininfluente. Vale a dire che la vicenda, senza di lui, sarebbe andata allo stesso identico modo. Sheldon ci rimane malissimo, e lo dice agli altri. La combriccola di maschietti nerd lo riguarda assieme, ed è costretta ad ammettere che la donna, tanto per cambiare, ha inesorabilmente ragione.

Ma come, il loro mito non serve a un cazzo alla salvezza dell’umanità!? Ma che hanno combinato Steven Spielberg e George Lucas, le menti cinematografiche più brillanti della scorsa generazione? Che vi sembra: hanno creato un mito!

Indiana Jones è l’eroe col superpotere della frusta, all’università un impacciato professore, all’ombra delle piramidi inarrestabile cowboy e chupafemmine. Salta, sbuffa, spara, sfreccia, afferra, e non ha manco il fiatone. C’ha solo una fobia, quasi un vezzo: i serpenti. Come Batman è praticamente uno schizofrenico: il professor Jones è capace di imbarazzarsi per le avances di una studentessa irriverente, mentre Indiana non s’intimidisce davanti a una bella ragazza, che peraltro pare aver sedotto quand’ella era poco più che adolescente.

Insomma, sarà anche ininfluente, ma Indiana Jones è prosopopea dell’avventura! Non c’era da rimanere male, cari Sheldon & co. Anzi. Sticazzi della trama. L’avventura non si spiega: è moto ozioso, si cerca, si vive, forse si muore. E l’avventura è Indiana Jones, unico sopravvissuto dei Predatori dell’arca perduta.

2 Comments

  • […] Scusate il ritardo è un film che vive in bilico alla ricerca di un equilibrio tra due poli estremamente opposti. Da un lato l’insopportabile e appiccicosissimo Tonino interpretato alla grande da Lello Arena, dall’altro il Vincenzo di Massimo Troisi, giovane disoccupato, a tratti timido con le donne tanto da non esprimere i suoi sentimenti. Il primo, mollato dalla ragazza che stava soffocando di attenzioni, non fa che piangersi addosso e piangere addosso al secondo, che nel frattempo si è innamorato di Anna, a cui invece non dà abbastanza attenzioni. Forse mai come in questo film bisognerebbe dire grazie a Troisi per aver sbugiardato la figura dell’uomo macho e tutto d’un pezzo, con buona pace di Indiana Jones. […]

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Charlize Terùn

Emersa come dea ermafrodita dall'oro liquido sospirando "J'Adore", ha deciso che le piacque e piace tutto, compresa e in primo luogo la propria ambiguità. Quando la società imperialista le impedisce di vedere almeno 7 film a settimana diventa FURIOSA.

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Vai al Film oppure Riprova
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi