Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

The Room (2003)

The Room (2003)

Due amici, una palla.

Quanto entusiasmo, quanta joie de vivre! Guardi The Room e in primo luogo stai bene, perché qualcun altro e non tu ha pensato, scritto, diretto, interpretato The Room. Quel qualcuno, il fulcro creativo (se fa pe ddi) del film si chiama Tommy Wiseau.

Originario dell’Est-Europa (Wiseau è nom de plum), sbarcato negli Stati Uniti non si sa quando né come, d’età compresa fra i 40 e i 70 al momento delle riprese, più furbetto che talentuoso, Tommy vive il sogno ‘mericano quando dopo tante fatiche vede il proprio faccione campeggiare sui poster della città degli angeli; faccia e poster così brutti e cupi che avevano indotto innocenti passanti a ritenere The Room un horror.

The Room

Facce da horror.

E invece il suo personaggio è un bonaccione, un eroe tragico. Un giudizio più feroce ci farebbe dire: fesso, fessacchiotto; turlupinato da fidanzata manipolatrice e da migliore amico strafottente, abbandonato al mondo dall’inerzia dell’altrui vivere.

Una stanza a lieto fine

Ma la realtà è spesso più clemente, buona, o se non altro più ironica. Nonostante (e ringraziando) la regia pessima, i dialoghi idioti, la recitazione prepuberale, il nonsense dilagante e la bruttezza generale del film, The Room diventa cult. Non subito, però.

La prima “corsa” al cinema è più che altro una fuga, tanto che i gestori sono costretti ad appendere il cartello “Niente rimborsi”. Il film incassa 1.800 dollari da un budget di 6 milioni (raggranellati da W. chissà come chissà dove).

Dopo il ritiro dalle sale, Wiseau comincia però a ricevere e-mail di gente cui il film era piaciuto, che lo incoraggiano al punto da affittare una sala per una proiezione straordinaria: è un successo. Le sue proiezioni di mezzanotte diventano eventi imperdibili, frequentate da star come Seth Rogen, Will Arnett, Kristen Bell, James Franco (che si è appassionato tanto da dirigere The Disaster Artist con il metodo Wiseau).

Nel corso di queste vengono permesse e incoraggiate pratiche come: fischi e insulti agli attori, lancio di palle da football fra gli spettatori e di cucchiai contro lo schermo: una specie di gioioso rito collettivo. Qualcosa di simile a quanto avviene per Rocky Horror, ma con più goliardia o, se vogliamo, caciaraThe Room, con tutta la sua cretinaggine, è forse il cult per eccellenza. Ti stordisce, stupra la soglia dell’incredulità, fugge dalle costrizioni schermiche e, nonostante sia senz’altro uno dei film più brutti mai realizzati, lo amerai.

Durata:

  • 1h 39min.

Regia:

Sceneggiatura:

Colonna sonora:

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Charlize Terùn

Emersa come dea ermafrodita dall'oro liquido sospirando "J'Adore", ha deciso che le piacque e piace tutto, compresa e in primo luogo la propria ambiguità. Quando la società imperialista le impedisce di vedere almeno 7 film a settimana diventa FURIOSA.

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi