Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

Lock & Stock – Pazzi scatenati (1998)

Lock & Stock

Il figlio di Sting va a fare una partita a poker con Harry l’accetta.

Hai mai visto Lock & Stock?

No di che parla?

E’ la storia di due ladri che devono rubare una coppia di fucili da collezione.

Mh.

Anzi una banda vuole rubare soldi e droga a degli spacciatori.

Ok.

IL FIGLIO DI STING VA A FARE UNA PARTITA A POKER CON HARRY L’ACCETTA.

Ora hai la mia attenzione!

Ah e un tipo con una strana acconciatura dà fuoco a… Va bene basta da qui ci penso io.

Incipit straordinario quello di Lock & Stock ma datemi retta quando vi dico che va sempre meglio. Come avrete intuito è uno di quei film con più storie che si intrecciano come se Dio, che in questo caso è Guy Ritchie, avesse posizionato le pedine ognuna al posto giusto perché la macchina funzioni e funziona alla perfezione senza complicazioni non necessarie come in altri film del genere.

Avete presente quei registi che sanno valorizzare una faccia?

Ecco questo è uno dei casi. Quando i volti, che non so davvero dove li abbia trovati ma sono belli ignoranti, riescono a trasmettere più dell’arte recitativa. Da Jason Statham prima di fare i film da duro, fino a Vinnie Jones, ex giocatore di calcio, prestato al film in una parte indelebile. Ma in fin dei conti Lock & Stock è un pulp, quindi senza dialoghi accattivanti, una colonna sonora impeccabile e lo stile inglese-geniale-cafone-urbano che riassumerei in un più sintetico “Ritchie”, le sole facce non sarebbero bastate a rendere.

Film da “tutto d’un fiato” che sembra superficiale ma ne vedi tutta la bravura. Grottesco, violento divertente e cinico, Lock & Stock, predecessore del più famoso Snatch, è un diamante grezzo, unico, un giovanotto scapestrato, uno di quei cult che ti cambiano non per il contenuto, che è tutto tranne che profondo, ma per lo stile che ha fatto storia.

Ah, c’è davvero Sting.

 

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Il Kulturista

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Checult Checult

Anche se sono buoni, sappiamo che i cookies fanno male ai denti: promettiamo di distribuirne con discrezione. Nun me fido

I nostri cookie sono gluten free e servono a rendere l'esperienza più appetibile. Se rimani con noi senza modificare le impostazioni accetti di compromettere la tua dieta.

E vabbè