Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

Clerks – Commessi (1994)

Clerks

Commessi per caso.

Kevin Smith ha 24 anni, è un regista in erba con una grande idea: Clerks.
Vive in America, nel Paese delle opportunità, e finalmente decide di coglierne una con quello che è l’atto più coraggioso e doloroso della storia dei Nerd: vende tutta la sua collezione di fumetti.

Con la cifra che è riuscito a mettere da parte, quasi 30.000 dollari, Kevin finanzia il suo film, tutto in bianco e nero, ambientato nel locale dove lavora. Per non disturbare le attività e farsi licenziare dal boss Kevin fa il commesso di giorno e il regista di notte. Metà dei soldi vanno per le riprese, l’altra metà per i diritti della colonna sonora.

In pochissimo tempo Kevin diventa l’icona per eccellenza del cinema indipendente americano, vince un sacco di premi e firma una carriera di nicchia ma gloriosa, lavorando con attori del calibro di Carrie Fisher e Johnny Depp, e sfondando come sceneggiatore anche nel mondo del fumetto da lui sempre amato.

Fine.

Ma questa NON è la storia di Clerks.

È quella del suo regista, a cui in fin dei conti è andata piuttosto bene.

Ai protagonisti del suo film, purtroppo, non è capitata la stessa sorte.

Vi chiedete perché? La risposta è semplice: fanno parte della “generazione X”. E da lì purtroppo non c’è via di scampo: loop di noia e sogni infranti, di lavori di merda sottopagati, piccoli problemi quotidiani che strozzano futuro.

Prendi Dante, il protagonista del film, chiamato a lavorare nel suo giorno libero, disperato del fatto che la sua ex si sposa ed entra nel mondo degli adulti, così legato al passato dal non poter dare le giuste attenzioni a Veronica, la sua attuale fidanzata, l’unica che crede nelle sue potenzialità.  

Kevin Smith è Dante che ci ha creduto fino in fondo, uscito da quel loop per il rotto della cuffia, per fare ironicamente fortuna raccontando la sua vita da precario. Ci ha regalato un cult sempre moderno, ché la gioventù del 2017 di X ha ben poco ma di sogni infranti e precarietà ne ha a tonnellate.

Ah, nel caso ve lo state chiedendo: sì, la prima cosa che ha fatto Kevin Smith è stata ricomprarsi la collezione di fumetti.

Onore al Nerd.

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Bucio de Cult!

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi