Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

Mr. Nobody (2009)

Mr Nobody

Lo Sliding Doors degli hipster.

Ce n’è voluto, ma finalmente ho capito di che parla Mr. Nobody. In fondo bastava che mi decidessi a guardarlo, una buona volta! Dopo decine di “L’hai visto Mr. Nobody? Capolavoro!” e di me che: “Eh ma bellissimo!“, me ne sono stato seduto buono per quelle due ore e mezza, stupito. E potevate dirmelo che Mr. Nobody è lo Sliding Doors per hipster! L’avessi saputo, l’avrei visto subito. O forse non l’avrei visto affatto.

Ma con Sliding Doors è tutto molto semplice. Le possibilità sono due: muori giovane o muori un po’ dopo. Il signor Nemo Nobody (vale a dire Nessuno Nessuno) è figlio dell’internet, dell’eccesso di stimoli, e di tutte quelle teorie scientifiche fiche che non sai di che parlano ma ti fanno sentire intelligente e tormentato, come Ashton Kutcher in The Butterfly Effect. Mr. Nobody, dicevo, è un tipo complicato: due sole linee temporali, dice lui, son roba da lattanti. Lui procede ad albero e se ne fa una decina. In una di esse, per dare un’idea, Nessuno Nessuno è il personaggio di un libro che in un’altra dimensione lui stesso scrive… mentre è in coma! Qualcuno ha provato a spiegarlo così:

E non è tutto: il protagonista, da vecchio, ha vissuto tutte le linee temporali, comprese quelle in cui muore giovane. È come se vedesse tutto quanto succedere nel medesimo istante. Non contenti, ci ficcano dentro la teoria delle stringhe, la reversione del tempo a seguito della contrazione dell’universo, la memoria genetica e i viaggi su Marte.

In tutto questo marasma spazio-temporale, era inevitabile che si perdesse qualcosa in profondità: le varie timeline, ad esempio, si dipanano a seconda di come butta con le tipe, e c’è molto più determinismo di quanto farfalle e foglie non facciano pensare.

Un film del genere, con tale ambizione totalizzante (“ogni umano non è altro che infinite possibilità”), ti chiede di perdonargli qualche peccatuccio semplicistico. Tanto che il messaggio ultimo del film è fin troppo chiaro: fra la bionda e l’asiatica, scegli la mora.

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Charlize Terùn

Emersa come dea ermafrodita dall'oro liquido sospirando "J'Adore", ha deciso che le piacque e piace tutto, compresa e in primo luogo la propria ambiguità. Quando la società imperialista le impedisce di vedere almeno 7 film a settimana diventa FURIOSA.

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Checult Checult

Anche se sono buoni, sappiamo che i cookies fanno male ai denti: promettiamo di distribuirne con discrezione. Nun me fido

I nostri cookie sono gluten free e servono a rendere l'esperienza più appetibile. Se rimani con noi senza modificare le impostazioni accetti di compromettere la tua dieta.

E vabbè