Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

Mamma, ho perso l’aereo (1990)

Mamma, ho perso l'aereo

Questo spazzolino è approvato dall’Associazione Dentistica Americana?

Partiamo dal presupposto che Mamma, ho perso l’aereo, il film che rese una star mondiale quell’ex-scapestrato di Macaulay Culkin, non mi ha mai entusiasmato più di tanto, pur avendolo visto a ripetizione quando ero piccolo (chi, del resto, non ha subìto lo stesso destino?). Sarà che mal digerisco la preconfezionata atmosfera natalizia. E che bello il Natale, e quanto è gioioso, e quanto siamo felici, e che palle! In particolare ho sempre detestato quel fottuto ragazzino biondo, con la sua saccente sicurezza, con le sue brillanti soluzioni ad ogni problema. Come fai ad amare un bambino che già a otto anni sembra un realizzato self-made man? Ma tranquilli, lo riconosco, è un mio problema. E allora mi domanderete perché mi sono messo a scrivere la recensione di questo film? Ve lo spiego immantinente.

In questo periodo mi trovo a Sydney. Stamattina ho comprato un dentifricio. Quando al giorno d’oggi andiamo in bagno e dimentichiamo lo smartphone, ecco che ci tocca rispolverare delle abitudini vintage. Così mi casca l’occhio sulla scatola del dentifricio appena comprato, e leggo questo:

Ora, riflettete un attimo. Non vi viene in mente niente? Beh, a me quello che è venuto in mente è stato un fulmine a ciel sereno, imprevedibile, inaspettato, sconvolgente, e ve lo riporto così com’è stato: “se quel nanetto insopportabile di Kevin McCallister fosse nato in Australia, avrebbe avuto una risposta alla sua ancor più insopportabile domanda sullo spazzolino da denti”. E vi giuro che era da tanto, davvero tanto, che non pensavo a questo film. Fuckin’ Kevin.

Cosa voglio dire con questo? Beh, mi sono reso conto in maniera illuminante della natura del film cult. Quando un film diventa cult, ma un cult vero, si eleva nell’Olimpo dei film intoccabili, diventa immune a qualsiasi tipo di critica, giudizio, opinione. Un film cult è così, e quando meno te lo aspetti ti tira uno schiaffo fatto di ricordi piacevoli e ancestrali. Mamma, ho perso l’aereo ha fatto breccia nel Natale di tutti noi al punto tale da diventarne parte integrante. Se non lo passano in televisione, sembra che ci manchi qualcosa. Fuckin’ Kevin.

Voglio concludere in maniera quasi antitetica a quanto scritto finora. Dopo anni di giustificabile non-visione in età adulta, mi è capitato di voler rivedere questo film forse un paio di Natali fa. E niente, quasi scoppiavo a piangere ogni cinque minuti. Quindi, famo così, regà. Famo che non ho scritto niente. Fuckin’ Kevin.

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Robert De Lirio

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Checult Checult

Anche se sono buoni, sappiamo che i cookies fanno male ai denti: promettiamo di distribuirne con discrezione. Nun me fido

I nostri cookie sono gluten free e servono a rendere l'esperienza più appetibile. Se rimani con noi senza modificare le impostazioni accetti di compromettere la tua dieta.

E vabbè