Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

Le riserve (2000)

“Non c’è nessun domani per voi e questo vi rende tutti delle bombe pronte ad esplodere.”

Mettiamo in chiaro le cose: se avete più di 25 anni e ascoltando Rock & Roll part 2 di Gary Glitter mi dite “Ah sì la canzone delle scale di Joker“, io vi vengo a cercare e vi costringo a vedere Le riserve. Perché Rock & Roll part 2 è la canzone dell’ingresso in campo di Shane Falco. Punto. Al massimo vi concedo Full Monty.

La premessa è ispirata a una situazione reale: lo sciopero dei giocatori professionisti della NFL del 1987. Siamo a 4 partite dai playoff e i Washington Sentinels hanno bisogno di 3 vittorie per arrivarci. Ma come? Il presidente richiama un vecchio allenatore che detta le sue condizioni: i giocatori per sostituire i pro li sceglie lui. Mette insieme la squadra più sgangherata della lega, capitanata da un ex fenomeno del football universitario, che però mancò il grande salto tra i professionisti, sprecando la sua occasione.

Ciò che rende divertente Le riserve sono proprio le riserve:

  • Shane Falco: insieme a Neo e John Wick è uno dei personaggi più eroici interpretati da Keanu Reeves. Ha fallito la sua chance per la gloria e per anni ha pensato di non essere all’altezza del suo talento. Cucciolone, sensibile, ma in grado di farsi rispettare e ascoltare, è il capitano del nostro cuore.
  • Clifford Franklin: ottimo ballerino, pessimo supporto in una rissa, è svelto come un ghepardo ma ha le mani di ricotta.
  • Brian Murphy: giocatore talentuosissimo, sarebbe stato scelto come professionista da anni se non fosse finito a lavorare nel magazzino della Dunder Mifflin (lo interpreta David Denman, il Roy di The Office). No, scherzo, purtroppo è sordo.
  • Earl Wilkinson: stella promessa della NFL, fu arrestato prima di debuttare per aver picchiato due poliziotti, ma a coach McGinty non importa e, in accordo con lo stato del Maryland, lo fa giocare sotto pseudonimo.
  • Danny Bateman: Jon Favreau vive tre vite, una da attore, una da regista Marvel, una da regista indie. Qui interpreta l’equivalente footballistico del diavolo della Tasmania dei Looney Tunes, comunemente noto come Ringhio Gattuso.
  • Nigel Gruff: qualsiasi ruolo interpreti Rhys Ifans è istantaneamente un cult. Ex calciatore gallese, proprietario di un pub che rischia di perdere per il vizio delle scommesse. Secco e mingherlino in un mondo di Godzilla, è soprannominato “Il piede” perché ha il fetish dei piedini come Quentin. No, scherzo, perché è in grado di calciare da una parte all’altra del campo.
  • Walter Cochrane: è un predicatore religioso a cui il sogno di diventare professionista fu portato via da un brutto infortunio al ginocchio. Come direbbe mio nonno: gli hanno fatto la grazia.
  • André e Jamal Jackson: guardie del corpo nella vita reale, guardie di Shane Falco sul campo. Letteralmente la definizione di due con cui non vuoi litigare.
  • Jumbo Fumiko: ex lottatore di sumo che mangia uova sode prima della partita perché un ovetto in fondo fa bene. Lui ne mangia un secchio. Non guardate il film con vostra nonna, altrimenti una volta finito la placcherete al grido di “Gengis Khaaaaan!

Anche se non sarà la riflessione più profonda sul tema, Le riserve non è un film sportivo, è un film sull’accettare se stessi e le proprie paure, sull’accettare di non essere le star o di non poterlo essere sempre. Oggi è il nostro giorno, viviamocelo al massimo, poi domani vedremo.

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Kult Russell

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Vai al Film oppure Riprova
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi