Checult

Avvia Cult-O-Matic
Recensioni

Jallikattu (2019)

Jallikattu-2019

Animali incazzati e dove trovarli.

Jallikattu è un’antica tradizione, che permane ancora oggi in alcune regioni della sterminata India, che consiste nello sguinzagliare un toro in mezzo a giovani baldanzosi che hanno questa voglia incontenibile di farsi malissimo ma non hanno un contratto da metalmeccanici.

Jallikattu, il film, è sostanzialmente questo: un’orda di uomini più o meno giovani in infradito e asciugamano che cercano di afferrare un bufalo scappato alla macellazione, nel bel mezzo di una selva scura che la diritta via non c’è mai stata perché siamo nella giungla indiana ed è tutto un susseguirsi di giravolte a U fra catapecchie, alberi, torrenti e erba alta un metro e mezzo da cui il bufalo sempre più incazzato sbucherà in momenti sempre meno opportuni.

Ok, è un film indiano, e avete tutto il diritto di avere 10.000 pregiudizi sul cinema indiano, io vi capisco perché il cinema indiano mi piace e posso confermarvi che tutti quei pregiudizi sono assolutamente fondati, ma questo è il cinema di un tizio che si chiama Lijo Jose Pellissery, regista cui non frega nulla di darvi alcun appiglio in forma di protagonista, dialogo lineare o contesto che possa mettere questa folle caccia in prospettiva. Vi garantisco, inoltre, che l’unica danza che vedrete in Jallikattu – sulle note di una colonna sonora turbotribale – è quella assolutamente scoordinata fra i buzzurri in canottiera che saltano sul bufalo e il bufalo (un trionfo di animatronic, più infernale di Black Philip) che se li scrolla di dosso con una sgroppata.

jallikattu 2019 movie

*Istinti animaleschi intensifies*

La caccia, che assume a ogni tornante ulteriori strati della stessa metafora (vi lascio immaginare quale), non si ferma mai per un’ora e mezza di film; la intervalla soltanto qualche rissa fra i buzzurri in canottiera del villaggio e i buzzurri in canottiera provenienti da un altro villaggio (che non riuscirete in alcun modo a distinguere dai primi) arrivati per accaparrarsi una fetta del bovino.

Jallikattu: probabilmente lo odierete (soprattutto per l’evitabilissima scena finale in cui il metaforone si fa immagine), ma guardatelo lo stesso perché è un film pazzo come nessun altro, e poi fatemi sapere please.

Durata:

  • 1h 32min.

Sceneggiatura:

Colonna sonora:

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Charlize Terùn

Emersa come dea ermafrodita dall'oro liquido sospirando "J'Adore", ha deciso che le piacque e piace tutto, compresa e in primo luogo la propria ambiguità. Quando la società imperialista le impedisce di vedere almeno 7 film a settimana diventa FURIOSA.

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Checult Checult

Anche se sono buoni, sappiamo che i cookies fanno male ai denti: promettiamo di distribuirne con discrezione. Nun me fido

I nostri cookie sono gluten free e servono a rendere l'esperienza più appetibile. Se rimani con noi senza modificare le impostazioni accetti di compromettere la tua dieta.

E vabbè