Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

La parola ai giurati (1957)

La parola ai giurati

Quando davvero 1 vale 1.

Ma quanto è bello e terribile il processo americano, in cui davvero si dà la parola ai giuratiLa fissa degli Stati Uniti per la democrazia è da annali. Ne vanno così fieri – d’essere la più grande democrazia al mondo – che la sbandierano ovunque possono (salvo sospenderla per le elezioni presidenziali). Vuoi vedere che non la mettevano anche in tribunale?

E quindi le cose stanno più o meno così: al processo la decisione sulla consapevolezza o innocenza di un individuo è presa da 12 sconosciuti impreparati e arrabbiati. Al giudice, parzialmente esentato da responsabilità, spetta solo l’applicazione della pena prevista. Del tipo: “L’America ha parlato, si accomodi. No, sull’altra sedia, esatto, quella collegata alla presa elettrica”.

Proprio per evitare che un innocente finisca fritto o, almeno, per mettere in discussione  tale eventualità si mobilita un incrollabile Henry Fonda. La particolarità de La parola ai giurati è che inizia dove film o telefilm dello stesso genere si concludono. Al regista Sidney Lumet non interessano i personalismi della corte, ma la giustizia sincera che prende forma quando gli uomini deliberano non visti, senza distinzioni di razza o stipendio. Ok ovvio, sono tutti maschi bianchi, ma nel ’57 un campione più variegato non sarebbe stato verosimile!

Capito che 1 vale davvero 1 e senza interferenze esterne, i 12 fanno qualcosa di rivoluzionario, applicano la legge! Comprendono che il loro dovere non è “giudicare” ma “decidere” e soprattutto comprendono la profonda differenza fra i due verbi. Non devi, cittadino, giudicare se uno è colpevole o meno, ma decidere se oltre ogni ragionevole dubbio il ragazzo merita la sedia elettrica.

La parola ai giurati mette in scena quello iato fra “la giuria si ritira per deliberare” e il famigerato “verdetto”, climax di ogni dramma processuale che si rispetti. E incredibilmente, visto l’argomento, è un grande lezione di fiducia negli esseri umani. Almeno finché non arriva O. J. Simpson a dimostrare che c’è sempre qualcuno più bianco di te.

Durata:

  • 1h 36min.

Regia:

Sceneggiatura:

Colonna sonora:

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Charlize Terùn

Emersa come dea ermafrodita dall'oro liquido sospirando "J'Adore", ha deciso che le piacque e piace tutto, compresa e in primo luogo la propria ambiguità. Quando la società imperialista le impedisce di vedere almeno 7 film a settimana diventa FURIOSA.

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Vai al Film oppure Riprova
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi