Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata (1971)

Bello, onesto, emigrato Australia

Immigrati italiani, Australia, la bellezza pazzesca di Claudia Cardinale, e un po’ di documentaristica malinconia di un pezzetto di storia d’Italia arrivata all’altra parte del mondo.

Va bene, lo ammetto, ho ritirato fuori questo film proprio ora che sto vivendo per qualche mese in Australia. Volevo ricordarmi di quanto quelle immagini della terra dei canguri potessero essere, all’epoca della mia prima visione di molti anni fa, così esotiche, lontane, irraggiungibili. Ora che la distanza chilometrica si è assottigliata, vedere queste realtà con i miei occhi mi fa rendere conto ancora di più del valore di Bello, onesto, emigrato Australia.

Gli italiani in Australia oggi tendono istintivamente a riunirsi, aiutarsi e cercarsi come una piccola cooperativa tricolore. E così accadeva anche cinquanta anni fa, nei ’70 australiani raccontati in questo film di Luigi Zampa. Ed ecco che il film, visto ai giorni nostri, oltre ad essere di base un film leggero e piacevole, assume un prezioso valore storico-documentaristico. Un valore che il tipo di spettatore acuto dei nostri anni ’10, uno spettatore sensibile alla storia della nostra gente, del nostro popolo, dell’Italia e dell’italianità non potrà fare a meno di notare.

La coppia di protagonisti è affiatata e perfettamente equilibrata nei loro opposti: un Alberto Sordi cotto dal sole arido dei deserti australiani e una Claudia Cardinale tanto stupenda quanto tagliente. Entrambi offrono una intelligente prova d’attore, che incarna perfettamente quello che doveva essere il carattere, l’atteggiamento, lo stupore e la disinvoltura di un emigrato in Australia e di una ragazza della strada, ignorante, speranzosa e determinata, appena sbarcata in una terra ignota e per lei assolutamente ostile.

La trama di Bello, onesto, emigrato Australia nasce e si sviluppa su elementi e modi di fare che dovevano proprio essere tipici degli italiani che vivevano in Australia. Per questo considero questo film un cult. Un film che rientra in quel tipo di commedia all’italiana intelligente: quella che vuole far sorridere raccontando l’amaro di una ben delineata situazione storico-sociale del nostro paese.

Durata:

  • 1h 53min.

Regia:

Sceneggiatura:

Colonna sonora:

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Robert De Lirio

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Vai al Film oppure Riprova
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi