Checult

Scopri il tuo cult!
Classifiche

Sette film sulle epidemie che ammazzano il tempo

film sulle epidemie

Qual è il miglior modo di ammazzare il tempo quando sei chiuso in casa per la quarantena? Semplice, una bella scorpacciata di film sulle epidemie!

Come passare il tempo quando un’epidemia ai massimi livelli di allarme pubblico ti costringe a stare a casa?

  1. Esci di casa e tenti di battere il virus dando colpi all’aria.
  2. Ti chiudi in quel rifugio antiatomico con il bagno chimico che hanno costruito i tuoi dopo l’11 settembre.
  3. Porti l’epidemia dentro casa, non letteralmente ma letterariamente.

E quindi, nella comodità del tuo divano e una copertina sulle ginocchia, ti fai una bella scorpacciata di film sulle epidemie. Il tema è vasto e multiforme: il film epidemico è una categoria trasversale che è stata incrociata, negli anni, con vari generi classici del cinema.

In questa classifica, insomma, ci sono film molto diversi che hanno in comune la capacità di terrorizzarci e farci riflettere sulla nostra precaria condizione di quarantenati. Come reagiscono gli esseri umani davanti alle epidemie? Prevale la cupidigia o l’altruismo? Cosa abbiamo sbagliato? Ma soprattutto: ci salveremo?

7. Resident Evil (2002)

Era impossibile replicare al cinema il terrore emanato dai primi giochi di Resident Evil, ma non c’è dubbio che W.S Anderson abbia fatto un ottimo lavoro con il primo capitolo di quella che sarebbe diventata la saga di maggior successo tratta da un videogioco nonché mio personale guilty pleasure. La trama, che ruota attorno a un virus creato in laboratorio da una malefica corporation, è un magnifico spunto per teorie cospirazioniste!

Il film, oltre a consacrare Milla Jovovich come regina indiscussa dell’action, è forse l’unico della saga di Resident Evil con un minimo di filo logico.

6. El Bar (2017)

Chicchetta spagnola tutta ambientata in un bar che vi ricorda quanto siate fortunati ad essere rimasti chiusi in casa con i vostri familiari e non con degli estranei.

In questa black comedy di Álex de la Iglesia un gruppo di persone si ritrova intrappolata nel bar eponimo dal governo spagnolo, che senza troppi complimenti ammazza chi tenta di uscire. Ben presto i malcapitati scoprono che la ragione per cui non possono uscire cova in uno di loro.

5. Virus letale (1995)

La storia di questo classicone made in USA ruota attorno a scienziati che cercano di contenere un virus e curare gli infetti di una piccola città della California. In Virus letale c’è una scena ambientata in una sala cinematografica così spaventosa che ha convinto tanti trentenni di oggi che avrebbero preso una malattia mortale all’interno di un cinema. Sarà per questo che in Italia hanno chiuso sale, teatri e musei prima delle fabbriche? Nel cast ci sono Dustin Hoffman, Rene Russo, Morgan Freeman, Donald Sutherland.

4. L’esercito delle 12 scimmie (1995)

L’eroe per caso Bruce Willis viene inviato nel passato (il 1990) per individuare il virus che di lì a qualche anno una misteriosa organizzazione chiamata Esercito delle 12 scimmie avrebbe diffuso per sterminare l’umanità, ma viene internato in un manicomio con un Brad Pitt davvero fuori di testa, quindi torna nel futuro, per errore lo mandano nel 1917, poi finalmente nel 1996 dove rincontra la psichiatra Madeleine Stowe indecisa se crederlo pazzo o innamorarsi di lui, e tenta di salvare il mondo mentre l’incubo di una sparatoria all’aeroporto lo perseguita. C’hai capito qualcosa? Nulla di male, è Terry Gilliam!

3. 28 giorni dopo (2002)

Film che ha cambiato per sempre i film sulle epidemie rendendo gli zombie delle macchine assassine dopate e velocissime. A questo link trovate la recensione del nostro KULTURISTA.

2. Contagion (2011)

Ok, il virus di Contagion è chiaramente più pericoloso del coronavirus, sia per trasmissibilità che per letalità. Questo è chiaro sin dall’inizio del film: nei primi 12 minuti il patogeno fa 6 vittime, fra cui Gwyneth Paltrow! Se muore anche una star di Hollywood deve essere per forza grave: il governo interverrà in maniera intelligente in modo da contenere al più presto l’epidemia! No?

Il film di Steven Soderbergh è un robusto thriller, costruito in maniera così realistica che, oltre a farti seriamente cacare sotto, ti insegna un sacco di cose su cosa (non) dovresti fare nel corso di un’epidemia. E conclude ribadendo che i virus sono provocati dagli squilibri naturali, quindi non prendertela con la Cina ma con il sistema economico capitalista mondiale, grazie.

1. Train to Busan (2016)

Train to Busan è praticamente l’opposto dell’occidentalocentrico Contagion. Ambientato quasi interamente su un treno sudcoreano che attraversa il Paese dilaniato da un’epidemia di zombie, il film mischia azione ben girata a dramma psicologico e sociale. Il regista ha una spiccata predilezione per lo sport della “pugnalata allo spettatore“.

Un uomo che per mestiere fa lo squalo della finanza deve portare la figlia piccola alla moglie separata in una città vicina. Gli scarni tentativi del padre di recuperare il rapporto con la bambina sono interrotti dal rapido crollo della situazione. Sul piccolo microcosmo del treno (l’ispirazione da Snowpiercer è palese), lanciato a velocità verso la salvezza (?) di Busan, si formano e rompono alleanze, si dispiegano atti di coraggio e abiezione.

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Charlize Terùn

Emersa come dea ermafrodita dall'oro liquido sospirando "J'Adore", ha deciso che le piacque e piace tutto, compresa e in primo luogo la propria ambiguità. Quando la società imperialista le impedisce di vedere almeno 7 film a settimana diventa FURIOSA.

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Vai al Film oppure Riprova
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi