Checult

Scopri il tuo cult!
Recensioni

Fantasia (1940)

Nato per rilanciare il personaggio di Topolino, che negli ultimi anni aveva perso popolarità, Fantasia è una dichiarazione d’amore alla musica classica e alle infinite storie che questa può raccontare. La pellicola è divisa in sette parti (più un interludio) per altrettanti temi di Beethoven, Stravinsky, Bach e altri maestri, diretti dall’austero Leopold Stokowski. Il terzo lungometraggio Disney viene realizzato nel 1940, all’alba di due eventi che, di lì a qualche anno e per motivi diversi, avrebbero segnato la fine di un’epoca (la sua): la Seconda Guerra Mondiale e la musica pop.

Fantasia inizia con una presentazione del critico e compositore Deems Taylor, elegantissimo, che spiega al pubblico cosa sta per vedere (e ascoltare). Da immagini astratte sulle note di Toccata e Fuga in Re Minore di Bach si passa a oniriche descrizioni delle stagioni della Terra, accompagnate da fatine, fiori e adorabili funghetti, e poi ancora vorticose danze di centauri ubriachi d’amore, prove di volo di cavalli alati e rituali d’accoppiamento fra ballerine ippopotami e coccodrilli turchi.

Fantasia: dai funghetti danzanti al demone Chernabog è un attimo proprio

Ma le scene che rendono Fantasia un cult coi controtoni sono 3:

  • L’incubo icarico-accelerazionista dell’apprendista stregone  Mickey Mouse che, aspirando alla piena automazione per invidia e pigrizia, finisce zuppo e con una ramazza sul sedere;
  • Il racconto dalla nascita della vita sulla Terra fino all’estinzione dei dinosauri, con la quale Disney fa la prima divulgazione scientifica di massa della storia sul tema dell’evoluzionismo;
  • Satana che si sveglia fomentato da Notte su Monte Calvo di Musorgskij e infesta un borgo medievale di diavoletti e altre sordide creature.

Durata:

  • 2h 6min.

Regia:

Sceneggiatura:

Cast:

Colonna sonora:

Lascia un Commento

Informazioni sull'Autore

Charlize Terùn

Emersa come dea ermafrodita dall'oro liquido sospirando "J'Adore", ha deciso che le piacque e piace tutto, compresa e in primo luogo la propria ambiguità. Quando la società imperialista le impedisce di vedere almeno 7 film a settimana diventa FURIOSA.

Checult

cultomatic_mock

...Attendere...

Cultomatic sta cercando il miglior cult in base alle tue preferenze, Attendi....

? min .
Vai al Film oppure Riprova
Checult Checult

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi